PRESTITI PER IMPRESE IN QUESTO MOMENTO

0

Tutte le aziende sono bloccate dal mese di marzo: non incassano e non fanno profitti ma devono comunque pagare i fornitori. Va evitato che si spezzi la catena dei pagamenti per evitare l’effetto contagio che rischia di travolgere l’intero sistema. La liquidità è erogata dalle banche. Il provvedimento adottato dal governo fa sì che lo stato si faccia garante dei prestiti elargiti non potendo, la banca, farsi carico anche del rischio che alla fine il debito non venga saldato. Il decreto varato dal governo prevede due enti che siano garanti: la SACE ed il FONDO.

La SACE assicura tutte le imprese più grandi. La garanzia è alta:

90% per le imprese con meno di 5000 dipendenti e con un fatturato < di 1,5 miliardi.

80% per le imprese con fatturato compreso tra:

un 1 miliardo di €<fatturato< 1,5 miliardi di €

70%  per le imprese con un fatturato > di 1,5 miliardi di €

L’importo del prestito non potrà essere maggiore del 25% del fatturato registrato nel 2019  o il doppio del costo del personale dell’azienda.

 

L’iniezione di liquidità per 750 miliardi di € per le imprese, che il governo ha varato, funzionerà in questo modo:

  • La liquidità di emergenza può essere chiesta da tutte le aziende italiane
  • L’azienda che vorrà la garanzia non dovrà distribuire dividendi per i successivi 12 mesi
  • L’imprenditore non deve aver avuto già esposizioni deteriorate verso la banca al 20 Febbraio 2020.
  • Il tasso simbolico è 0,1-0,2 per cento.
  • Il prestito ammonta fino al 25% del faturato

 

 

Il Fondo del Mediocredito Centrale finanzia le piccole e medie imprese oltre a partite IVA, artigiani, commercianti e professionisti. Il prestito è automatico e può essere ottenuto fino a 25 mila € con una garanzia pari al 100% da parte del Fondo. Questo significa che la banca potrà erogare direttamente l’importo che sarà restituito in sei anni ed il rimborso non partirà prima di 18 mesi. Garanzia totale anche per le aziende fino a 800 mila € di ricavi: l’importo del prestito non può superare il 15% dei ricavi, dunque non potrà essere maggiore di 120 mila €.

Share.

About Author


Leave A Reply