Close

CONTRIBUTI E FINANZIAMENTIEUROPEI

SOCIAL INNOVATION CALL FOR PROPOSALS: ACTIONS TO DEVELOP IMPACT PERFORMANCE
INTELLIGENCE SERVICES
Nell’ambito della componente EaSI del FSE+ è aperto l’“Invito a presentare proposte Innovazione Sociale: azioni
per sviluppare servizi di intelligence sulla performance di impatto”, che scade il 4 luglio 2024.
L’obiettivo del bando è promuovere l’offerta di servizi avanzati di capacità di dati, nonché di strumenti e pratiche
di gestione dell’impatto per gli enti a finalità sociale (come – ma non solo – imprese sociali, enti dell’economia
sociale, start up sociali, società di impatto), per accrescere e migliorare la loro capacità di investimento a impatto
sociale.
Il bando punta a sviluppare soluzioni innovative per il mercato degli investimenti a impatto sociale, sostenendo
progetti riguardanti l’ideazione, la sperimentazione, la fase pilota, la validazione, lo sviluppo e/o l’espansione
di servizi di verifica dei dati di impatto e di intelligence sulla performance di impatto, nonché di altri modelli di
innovazione basati sulla conoscenza, che potrebbero portare a maggiori e migliori decisioni di investimento, a
una maggiore trasparenza del mercato degli investimenti a impatto sociale e al benchmarking della performance.
Pertanto, le attività che possono essere finanziate sono indicativamente le seguenti:

  • sessioni di brainstorming per la generazione di idee, ricerche di mercato per validare la fattibilità dell’idea,
    identificazione di opzioni di business e definizione del target di clienti e delle loro esigenze;
  • redazione ed elaborazione di business plan con proposta di valore;
  • analisi e consulenza legale pertinenti;
  • definizione di processi operativi e flussi di lavoro, identificazione e pianificazione delle attrezzature e della
    tecnologia necessarie;
  • definizione e attività di progetto sulle finalità del servizio o prodotto, descrizione delle caratteristiche e
    funzionalità richieste, specificazione della portata del progetto, budget e tempistica;
  • attività di ricerca e sviluppo, comprese le attività di sperimentazione e prototipazione;
  • attività di sviluppo del servizio o prodotto attraverso la selezione dello stack tecnologico appropriato, la
    scrittura del codice back-end e front-end, l’implementazione di caratteristiche e funzionalità secondo le
    specifiche di progettazione;
  • attività di piloting, validazione e test del servizio o prodotto, inclusa la sua strategia di sviluppo;
  • attività di pianificazione e realizzazione del lancio del servizio o prodotto;
  • attività di manutenzione e assistenza del servizio o prodotto, definizione dei processi per affrontare i
    problemi post-lancio, aggiornamenti e nuove funzionalità;
  • sviluppo (definizione e implementazione) di un piano di marketing completo, identificazione dei canali
    target di marketing, formulazione della strategia di sviluppo del marchio e posizionamento sul mercato,
    strategia di vendita.

IL BANDO È APERTO A PERSONE GIURIDICHE PUBBLICHE E PRIVATE STABILITE NEI PAESI
UE (COMPRESO PTOM) E PAESI NON UE INDICATI IN QUESTO DOCUMENTO.
Le proposte di progetto devono essere presentate da un consorzio costituito da almeno due soggetti, stabiliti in
due diversi Paesi ammissibili, che siano:

  • un centro di ricerca o un ente affiliato ad un’università;
  • un investitore pubblico o privato o un’organizzazione di sostegno alle imprese (compreso incubatori e acceleratori).

Il contributo UE può coprire fino all’85% dei costi ammissibili del progetto. L’importo massimo della sovvenzione
sarà compreso tra 500.000 € e 750.000 €.
Lo stanziamento complessivo a disposizione del bando è pari a 4.500.000 €, che saranno destinati al finanziamento
di 6-8 progetti.
Scadenza: 4 luglio 2024
BATTERIE DI NUOVA GENERAZIONE: PROSSIMA APERTURA DI UN BANDO DELLA
PARTNERSHIP EUROPEA BATT4EU
Si apriranno il 7 maggio 2024 i topic della call Cross-sectoral solutions for the climate transition – HORIZON-CL5-
2024-D2-02, prevista dall’Agenda strategica di Ricerca e innovazione (SRIA) della partnership europea Batt4EU,
restando aperti sino al 5 settembre 2024.
Lo stanziamento complessivo è di 39.000.000 €, destinato a soluzioni legate a tecnologie per l’uso di batterie
sempre più sostenibili, suddiviso come segue:

  • Sustainable high-throughput production processes for stable lithium metal anodes for next generation
    batteries (Batt4EU Partnership) – HORIZON-CL5-2024-D2-02-01 con un budget di 8.000.000 €;
  • Post-Li-ion technologies and relevant manufacturing techniques for mobility applications (Generation 5)
    (Batt4EU Partnership) – HORIZON-CL5-2024-D2-02-02 con un budget di 15.000.000 €;
  • Size & weight reduction of cell and packaging of batteries system, integrating lightweight and functional
    materials, innovative thermal management and safe and sustainable by design approach (Batt4EU
    Partnership) – HORIZON-CL5-2024-D2-02-03 con un budget di 16.000.000 €.
    L’obiettivo generale del cluster 5 di Horizon Europe è quello di accelerare la duplice transizione verde e digitale
    dell’economia, dell’industria e della società europee al fine di conseguire la neutralità climatica in Europa entro
    il 2050.
    Scadenza: 5 settembre 2024
    PROMUOVERE LA CONSAPEVOLEZZA, LO SVILUPPO DI CAPACITÀ E L’ATTUAZIONE DELLA
    CARTA DEI DIRITTI FONDAMENTALI UE DA PARTE DELLE ORGANIZZAZIONI DELLA SOCIETÀ
    CIVILE
    Nel quadro del programma Cittadini, Uguaglianza, Diritti e Valori (CERV), si aprirà il prossimo 23 aprile il bando
    2024 “Promuovere la consapevolezza, lo sviluppo di capacità e l’attuazione della Carta dei diritti fondamentali
    dell’UE da parte delle organizzazioni della società civile”, con scadenza il 18 settembre 2024.
    Il bando mette a disposizione complessivamente 16 milioni di euro per finanziare progetti nazionali o transnazionali
  • quest’ultimi sono particolarmente incoraggiati – riguardanti i seguenti topic. Ogni singola proposta di progetto
    deve riguardare una sola di queste priorità:

  1. Capacity building e sensibilizzazione sulla Carta dei diritti fondamentali dell’UE (CERV-2024-CHAR-LITICHARTER)
    I progetti possono rispondere alle esigenze di capacity building e di sensibilizzazione sulla Carta in generale,
    oppure concentrarsi sulle seguenti questioni: Diritti sanciti dalla Carta e consapevolezza del campo di
    applicazione della Carta; Protezione dei diritti fondamentali nell’era digitale.
  2. Promuovere i diritti e i valori potenziando lo spazio civico (CERV-2024-CHAR-LITI-CIVIC)
    I progetti dovrebbero promuovere i diritti e i valori consentendo agli attori della società civile di lavorare
    insieme nei settori interessati dal programma. I progetti saranno volti a creare un sistema per monitorare
    regolarmente l’ambiente in cui operano le organizzazioni della società civile nei contesti nazionali, basato
  3. sugli indicatori dell’Agenzia per i diritti fondamentali relativi alla riduzione dello spazio civico e sui dati delle
  4. organizzazioni. I progetti potrebbero anche sostenere e migliorare la protezione delle organizzazioni della
  5. società civile e dei difensori dei diritti umani che lavorano per proteggere e promuovere i valori dell’UE
  6. sotto attacco.
  7. Contenzioso strategico (CERV-2024-CHAR-LITI-LITIGATION)
    I progetti dovrebbero, attraverso la formazione, la condivisione di conoscenze e lo scambio di buone pratiche,
    rafforzare la conoscenza e l’abilità delle organizzazioni della società civile e dei difensori dei diritti umani,
    nonché dei professionisti del settore legale e degli organismi indipendenti per i diritti umani di impegnarsi
    efficacemente nelle pratiche di contenzioso a livello nazionale ed europeo e per migliorare l’accesso alla
    giustizia e l’applicazione dei diritti previsti dal diritto dell’UE, compresa la Carta. I progetti possono anche
    concentrarsi sul contrasto a procedimenti giudiziari manifestamente infondati o abusivi contro giornalisti e
    difensori dei diritti umani.
  8. Proteggere i valori e i diritti dell’UE combattendo i discorsi e i crimini dettati dall’odio (CERV-2024-CHARLITI-SPEECH)
    I progetti dovrebbero mirare a consentire alle organizzazioni della società civile di stabilire meccanismi di
    cooperazione con le autorità pubbliche, in particolare per sostenere la segnalazione di episodi di crimini
    e discorsi ispirati dall’odio, garantire supporto alle vittime e sostenere l’applicazione della legge. I progetti
    dovrebbero anche concentrarsi su attività volte a contrastare l’incitamento all’odio online, compresa la
    segnalazione di contenuti alle società IT, la progettazione di campagne di sensibilizzazione e attività
    educative per affrontare le sfide sociali dell’incitamento all’odio online.
  9. Sostenere un ambiente favorevole alla protezione degli informatori (CERV-2024-CHAR-LITI-WHISTLE)
    Si intende sostenere la creazione di un ambiente favorevole per la denuncia e l’informazione sulle violazioni
    del diritto dell’Unione, in particolare mediante lo sviluppo di capacità sull’applicazione della Direttiva UE
    2019/1937 sulla protezione degli informatori. I progetti nell’ambito di questa priorità dovrebbero supportare
    e proteggere gli informatori e sviluppare la capacità delle autorità nazionali e degli operatori del diritto di
    garantire rimedi giuridici adeguati alla protezione degli informatori.
    I progetti proposti devono avere una durata compresa tra 12 e 24 mesi e potranno essere cofinanziati dall’UE
    fino al 90% dei loro costi ammissibili. La sovvenzione richiesta non può essere inferiore a 75.000 euro.
    Il bando si rivolge a persone giuridiche stabilite negli Stati membri UE (incluso i PTOM). Il proponente (o
    coordinatore) di progetto deve essere un ente privato no-profit. Partner di progetto (co-applicant) possono
    essere enti, pubblici e privati, con o senza scopo di lucro. Enti a scopo di lucro possono presentare progetti solo
    in partnership con enti privati no-profit.
    Scadenza: 18 settembre 2024
    INIZIATIVA URBANA EUROPEA: IN ARRIVO IL TERZO BANDO PER AZIONI INNOVATIVE
    È attesa nel mese di maggio l’apertura del terzo bando per Azioni innovative della European Urban Initiative
    (EUI), la nuova iniziativa UE a sostegno dello sviluppo urbano sostenibile finanziata dal Fondo europeo di sviluppo
    regionale (FESR).
    La Call, che rimarrà aperta fino a fine ottobre 2024, mette a disposizione 90 milioni di euro per sostenere progetti
    mirati allo sviluppo e sperimentazione di soluzioni innovative che affrontino le attuali sfide urbane. In particolare,
    i progetti da finanziare dovranno concentrarsi su due temi: “Transizione energetica” e “Tecnologia nelle città”.
    In vista dell’uscita del bando, sul sito dell’EUI vengono già fornite informazioni dettagliate su queste priorità:
  10. Transizione energetica
    L’EUI intende sostenere la sperimentazione di soluzioni innovative trasferibili e scalabili in contesti di vita
    reale per reti energetiche locali economicamente sostenibili, più intelligenti e integrate, a zero emissioni
  11. di carbonio e guidate dalla domanda, coinvolgendo al tempo stesso i cittadini e le parti interessate per
  12. contribuire ad accelerare la transizione.
  13. Tecnologia nelle città
    In questo ambito si intende finanziare progetti per la sperimentazione di soluzioni innovative basate sulle
    nuove tecnologie per fornire migliori servizi pubblici ai cittadini e/o potenziare le capacità delle autorità
    locali di offrire tali servizi, attraverso sperimentazioni che potrebbero essere replicate su ampia scala con
    l’aiuto degli investimenti della politica di coesione.
    Ciascun progetto dovrà avere una durata non superiore a 3,5 anni e potrà essere cofinanziato dal FESR fino
    all’80% dei costi totali ammissibili per un massimo di 5 milioni di euro.
    Il bando è rivolto ad autorità urbane di unità amministrative locali dell’UE, o ad associazioni/raggruppamenti di
    autorità urbane con status giuridico di agglomerati organizzati o non, classificate come città, paesi o sobborghi
    (codici 1 o 2 della classificazione DEGURBA) e che abbiano almeno 50.000 abitanti.
    HORIZON EUROPE: IL NUOVO BANDO ERA TALENT
    Chiuderà il 26 settembre 2024 la call per l’Azione ERA Talents per la mobilità intersettoriale tra organizzazioni
    accademiche e non, volta al rafforzamento della formazione e dell’apprendimento dei ricercatori e lo scambio
    di competenze.
    L’azione ERA Talents mira a potenziare l’interoperabilità delle carriere e l’occupabilità dei talenti della ricerca e
    dell’innovazione in vari settori, soprattutto nei Paesi Widening, ossia supportando:
  14. il rafforzamento della base di capitale umano dei paesi Widening;
  15. una circolazione più equilibrata dei talenti, sia geograficamente che trasversalmente ai settori;
  16. il potenziamento della capacità di ricerca e sviluppo e di supporto ad essa;
  17. una collaborazione tra mondo accademico e imprese più strutturata e incisiva;
  18. un insieme più ampio di competenze e competenze trasferibili in ricerca, imprenditorialità e altro;
  19. migliorata occupabilità e prospettive di carriera sostenibili di diversi talenti all’interno del mondo accademico,
    industriale e oltre.
    Le domande devono essere presentate da un consorzio che includa almeno 3 entità giuridiche indipendenti, sia
    dal settore accademico che non accademico, stabilite in tre diversi Stati membri dell’UE o Paesi Associati, di cui
    almeno due in due diversi Paesi Widening. Il coordinamento è riservato ad enti di uno degli Stati Widening.
    I partner del consorzio dovranno contribuire direttamente all’attuazione di una metodologia congiunta di
    formazione e mobilità mediante gli scambi tra membri dello staff idonei, con l’obiettivo di creare sinergie tra i
    partecipanti e le organizzazioni di appartenenza.
    Gli scambi di personale devono essere tra settori diversi (dal settore accademico al non accademico o viceversa)
    di entità giuridiche indipendenti, e di durata tra 3 e 24 mesi.
    Il budget complessivo ammonta a € 40.000.000.
    Scadenza: 26 settembre 2024
    AL VIA IL BANDO DI HORIZON EUROPE EIC TRANSITION OPEN 2024
    Rimarranno aperte fino al 18 settembre 2024 le candidature per il bando EIC Transition Open 2024, rivolto
    a supportare attività di innovazione che vanno oltre la dimostrazione sperimentale in laboratorio. Il bando è
    contenuto nel Work Programme 2024 adottato il 12 dicembre 2023.

Il bando finanzia sia la maturazione che la convalida di nuove tecnologie dal laboratorio agli ambienti applicativi
rilevanti (utilizzando prototipi, formulazioni, modelli, user testing o altri test di convalida), nonché esplorazioni
e sviluppi di casi d’impresa sostenibile e di modelli di business orientati al mercato.
Le attività devono prevedere ulteriori sviluppi tecnologici e di business (oltre il proof-of-concept) basati sui
risultati ottenuti in un progetto finanziato precedentemente, per aumentare le probabilità di successo futuro
dell’innovazione sul mercato e favorendo il passaggio da livelli di maturità tecnologica (TRL) da 3-4 a 5-6.
Il bando EIC Transition Open non ha priorità tematiche predefinite ed è aperto a proposte in qualsiasi campo
della scienza, della tecnologia o innovazione che coinvolga diversi campi settoriali e applicativi.
Sono ammissibili alla partecipazione enti legali quali startup, PMI e organizzazioni che svolgono ricerca (università,
team di ricercatori o enti di ricerca) degli Stati membri UE o associati a Horizon Europe individualmente oppure
riuniti in consorzi da 2 a 5 membri.
Il budget complessivo ammonta a € 94.553.849, con l’aspettativa di finanziare circa 36 proposte progettuali.
Il bando EICTransition mira a trasformare i risultati della ricerca in opportunità di innovazione ed è incentrato
sui risultati ottenuti dai progetti Pathfinder e Proof of Concept ERC e aprirà per la prima volta ai risultati dei
progetti collaborativi di Horizon nell’ambito del pilastro 2. I candidati dovranno dimostrare di essere proprietari
o i titolari dei diritti di proprietà intellettuale (IPR) o di avere i diritti necessari per commercializzare i risultati di
uno di questi progetti ammissibili.
L’obiettivo è perfezionare le tecnologie e sviluppare un interesse commerciale per applicazioni specifiche
(sovvenzioni fino a 2.5 milioni di €) in qualunque campo della scienza e tecnologia (EIC Transition Open).
Il bando EIC Transition finanzia dunque attività di innovazione che vanno oltre il proof of principle sperimentale
in laboratorio per sostenere sia:

  • la maturazione e la validazione della nuova tecnologia in laboratorio e in ambienti applicativi rilevanti;
  • lo sviluppo di un business case e di un modello (aziendale) per la futura commercializzazione dell’innovazione.
    I progetti EIC Transition devono riguardare sia la tecnologia che lo sviluppo del mercato e del business, includendo
    eventualmente processi di apprendimento iterativi basati sui primi feedback dei clienti o degli utenti.
    I risultati attesi di un progetto EIC Transition sono:
  • una tecnologia che si dimostri efficace per l’applicazione prevista (TRL 5/6);
  • un modello di business, la sua validazione iniziale e un business plan per il suo sviluppo sul mercato.
    Sono disponibili sovvenzioni fino a 2,5 milioni di euro per convalidare e dimostrare la tecnologia in un ambiente
    rilevante per l’applicazione e sviluppare la market readiness.
    Scadenza: 18 settembre 2024
    LIFE: PUBBLICATI I NUOVI BANDI 2024
    Si sono aperti il 18 aprile i bandi 2024 del programma LIFE, il programma europeo che sostiene progetti innovativi
    e d’impatto nell’ambito della tutela della natura, della protezione dell’ambiente, del cambiamento climatico o
    della transizione verso l’energia pulita.
    I bandi sono disponibili sul portale Funding & Tenders e comprendono:
    Progetti d’Azione standard (SAP) – con € 303.980.000 di budget complessivo
  • Natura e biodiversità (Natura; Governance): scadenza fissata al 19 settembre 2024;
  • Economia circolare e qualità della vita (Ambiente; Governance): con scadenza il 19 settembre 2024;
  • Mitigazione ai cambiamenti climatici: con scadenza il 17 settembre 2024;
  • Adattamento ai cambiamenti climatici: con scadenza il 17 settembre 2024;
  • Transizione energetica pulita: con termine fissato al 19 settembre 2024;
    11
  • Governance e informazione sul clima: con termine al 17 settembre 2024;
  • New European Bauhaus: con termine il 19 settembre 2024.
    Sovvenzioni per Azioni di coordinamento e supporto (CSA) con € 77.000.000 di budget complessivo
  • Transizione energetica pulita: con scadenza al 19 settembre 2024
    Progetti strategici integrati (SNAP/SIP) con € 150.000.000 di budget complessivo
  • SNAP/SIP (Ambiente; Clima): le scadenze sono in due fasi, una al 5 settembre 2024 e una al 6 marzo 2025
    Progetti di assistenza tecnica (TA) con € 26.000.000 di budget complessivo
  • per la preparazione di progetti SIP (Ambiente; Clima), la scadenza è il 19 settembre 2024
  • per la preparazione di progetti SNAP, la scadenza è il 19 settembre 2024
  • per progetti di replicazione, la scadenza è il 19 settembre 2024
  • per migliorare le competenze: il termine è il 19 settembre 2024
  • su priorità legislative o di policy: il termine al 19 settembre 2024
    Accordi di sovvenzione speciali per ONG con € 14.000.000 di budget complessivo
  • Accordi quadro di partnership (FPA OG): proposte entro il termine del 5 settembre 2024
  • Accordi di sovvenzione operativi specifici (SGA OG): proposte entro il 17 settembre 2024
    Sono invitati a partecipare ai bandi enti accademici, organizzazioni a vari livelli, ONG coinvolte nella tutela
    dell’ambiente, conservazione della natura, contrasto al cambiamento climatico o transizione energetica pulita,
    appartenenti ai Paesi membri dell’Unione europea o associati al programma LIFE, in modalità singola o aggregata,
    a seconda della call di riferimento.
    In totale, il budget disponibile ammonta a € 571.000.000.
    Scadenze:
  • 5 settembre 2024
  • 17 settembre 2024
  • 19 settembre 2024
Fonte: https://www.europainnovazione.com/wp-content/uploads/2024/05/Newsletter-maggio-2024.pdf?utm_source=newsletter&utm_medium=email&utm_campaign=europainnovazione_newsletter_maggio_2024&utm_term=2024-05-08

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 Comments
scroll to top